Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per offrirti un servizio migliore. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui (cliccando su questo link acconsenti all'uso dei cookie). Cliccando sul bottone 'Accetto' acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto

A causa della costante fluttuazione valutaria, tutti i pacchetti verranno riquotati con i cambi odierni in fase di preventivo.

Oman

Oman - Wahiba Sands desert
Oman - Wahiba Sands desert
Oman - Ras Al Jinz
Oman - Ras Al Jinz
Oman - Nakhl Fort
Oman - Nakhl Fort
Richiedi Chiamaci
Il vasto deserto dell'Oman e i resti di antiche fortezze, la via dell'incenso nel Dhofar e le spiagge tropicali Salalah. E poi su, a nord, tra le baie della penisola di Musandam o nell'elegante capitale Muscat.
Proposte di viaggio
Quando andare?
  • GEN
  • FEB
  • MAR
  • APR
  • OTT
  • NOV
  • DIC
Da non perdere
  • Forti e Wadi

    A est di Muscat, nell’entroterra, si estende un’area ricca di antichi forti, wadi, oasi e le splendide montagne dell’Hadjar.Wadi Tiwi, con la sua laguna color smeraldo e la ricca flora, e il  suggestivo Wadi Shab, incassato in una profonda gola; e poi Wadi Bani Khalid, splendido Wadi con acque turchesi dove è anche possibile fare il bagno.
    Nakhl è una pittoresca cittadina dominata da uno dei più affascinanti forti del Sultanato, nei pressi di sorgenti di acqua calda.Sono famosi anche i forti di Rustaq, antica capitale medievale dell’Oman, di Al Hazm, quello di Jabrin - considerato il più imponente del Paese - e il forte di Bahla, dichiarato patrimonio dell’umanità dall’Unesco.
    A Tanuf si ammirano le spettrali rovine della città vecchia, mentre ad Al Hamra si trovano le tipiche abitazioni di fango oltre ad un’oasi ricca di palme.Dall’altopiano di Jebel Shams si gode un magnifico panorama, Misfah è un caratteristico villaggio di montagna, mentre Nizwa è rinomata per il forte, il souq, la produzione di gioielli e dei tipici pugnali in argento.

  • Penisola di Musandam e Zighy Bay

    La penisola di Musandam, che separa il territorio degli Emirato Arabi Uniti dal resto dell'Oman, è nota non a caso come “i fiordi d’Arabia”. Questo lembo di terra omanita è apprezzato per la sua eccezionale bellezza naturalistica: le acque limpide, dipinte di tonalità che vanno dal blu intenso al turchese, i suoi monti dalle cime frastagliate, che creano canyon e fiordi spettacolari in un susseguirsi di insenature e promontori protesi verso il mare. E’ un luogo incantevole per fare snorkelling, camminare in montagna e assaporare la bellezza delle spiagge.
    Tra le numerose baie, Zighy Bay è spettacolare: le alture scenografiche che si ergono alle sue spalle raggiungono i 2.100 metri e si estendono fino allo stretto di Hormuz, con una vista spettacolare sulla costa.

  • Muscat

    Muscat, il cui nome significa “ancorata”, è l’elegante capitale del Sultanato dell’Oman, situata in un antico porto naturale. Meritano una visita la grande moschea a 5 minareti e i forti portoghesi di Mirani e Jalali, costruiti alla fine del 1500; ancora oggi proteggono il Palazzo del Sultano di Al Alam, sorprendente esempio di architettura araba moderna e circondato da splendidi giardini con piante provenienti da tutto il mondo.
    Ancora, Bait Al Zubair è una casa dalla tipica architettura omanita, ora trasformata in museo, dove sono conservati gioielil, armi, mobili e abiti locali. Ma ad attirare l’attenzione è soprattutto il colorato souq di Mutrah, dove si possono acquistare prodotti artigianali, oggetti in argento, gioielli, stoffe, profumi e spezie.

  • Wahiba Sands

    A sud di Muscat, lo sguardo corre a perdita d’occhio fino all’orizzonte… E’ il deserto di Wahiba Sands, un vastissimo mare di sabbia rossa e bianca punteggiato da radi cespugli che si perdono nelle alte dune. E’ abitato da una delle tribù di pastori beduini nomadi più tradizionaliste, che vivono allevando dromedari e capre, le cui donne portano sul volto una caratteristica maschera nera. Le forme sinuose e sempre diverse delle dune e i colori che cambiano a seconda delle ore del giorno, rendono questo luogo particolarmente suggestivo. 

  • Ras Al Hadd e Ras Al Jinz

    Dalla capitale, proseguendo verso sud lungo la costa, si raggiunge il punto più orientale dell’Oman: Ras Al Hadd. Qui si trova il santuario marino di Ras Al Jinz, una splendida riserva naturale. All’imbrunire, le giganti tartarughe verdi raggiungono le spiagge dorate di Ras Al Hadd e Ras Al Jinz per deporre le uova; il periodo migliore per avere la fortuna di avvistarle va da agosto a novembre, ma alcuni esemplari sono presenti in quest’area durante tutto l’arco dell’anno. E’ questa una delle poche colonie rimaste di questa specie di tartarughe, il cui peso raggiunge i 130 kg per oltre un metro di lunghezza. Le femmine si accoppiano in mare e tornano a deporre le uova sempre sulla stessa spiaggia, quella in cui sono nate…

  • Dhofar e Salalah

    Nel profondo sud dell’Oman si trova la regione del Dhofar, terra di contrasti e molto diversa dal resto del Sultanato. E’ dominata da una fertile regione costiera attraversata da wadi e da una catena montuosa che dall’interno si getta in mare con falesie spettacolari. Qui, si trova anche la più grande distesa di sabbia senza interruzione al mondo: il deserto di Rub Al Khali. Il Dhofar è noto per il suo clima: durante i mesi estivi il territorio viene colpito in modo marginale dai monsoni (khareef) per circa due mesi, rendendo le temperature miti e piacevoli.
    La città di Salalah è circondata da un susseguirsi di scenari floridi, una vegetazione rigogliosa e coltivazioni di alberi di frutta esotica. Gli scavi archeologici di antichi villaggi punteggiano il territorio e bianche spiagge di sabbia fine ricoprono per chilometri la costa.