Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per offrirti un servizio migliore. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui (cliccando su questo link acconsenti all'uso dei cookie). Cliccando sul bottone 'Accetto' acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto

A causa della costante fluttuazione valutaria, tutti i pacchetti verranno riquotati con i cambi odierni in fase di preventivo.

Artico

Arctic - Polar bear, © David Briggs
Arctic - Polar bear, © David Briggs
Arctic - Midnight sun in the Svalbard, © Ole Joergen Liodden - Nordnorge
Arctic - Midnight sun in the Svalbard, © Ole Joergen Liodden - Nordnorge
Arctic - Husky sleigh ride, © Bjrn Klauer - Nordnorge
Arctic - Husky sleigh ride, © Bjrn Klauer - Nordnorge
Arctic - Ice arch
Arctic - Ice arch
Arctic - Aurora Borealis, © Gaute Bruvik - Nordnorge
Arctic - Aurora Borealis, © Gaute Bruvik - Nordnorge
Richiedi Chiamaci
Stupirsi di fronte all'aurora boreale in Norvegia, lasciarsi avvolgere dal silenzio della notte polare alle Svalbard. Scoprire la fauna artica fra i ghiacci del Canada e volgere lo sguardo verso il sole di mezzanotte...
Proposte di viaggio
Quando andare?
  • MAG
  • GIU
  • LUG
  • AGO
  • OTT
  • NOV
Da non perdere
  • Hudson Bay

    La baia di Hudson (in inglese Hudson Bay) è una vasta insenatura dell'Oceano Atlantico in corrispondenza della costa nord-orientale del Canada, è considerata la più vasta baia marina al mondo. Deve il suo nome all'esploratore inglese Henry Hudson che la esplorò nel 1610 a bordo del Discovery. Hudson stava esplorando la parte orientale della baia quando, con il sopraggiungere dell'inverno, la sua nave rimase bloccata nei ghiacci nella baia di James e l'equipaggio passò l'inverno a terra. Quando a primavera con lo scioglimento dei ghiacci si propose di continuare l'esplorazione della baia, l'equipaggio il 22 giugno 1611 si ammutinò. Hudson, il figlio ed alcuni membri dell'equipaggio furono abbandonati alla deriva su una piccola barca e non si seppe più nulla di loro.

  • Isola di Baffin

    L'isola di Baffin, detta anche Terra di Baffin, appartenente al Territorio canadese del Nunavut, è la maggior isola dell'Arcipelago artico canadese, e la quinta maggiore isola per estensione nel mondo. Costituita di gneiss e graniti, rappresenta, dal punto di vista geologico, la prosecuzione dello Scudo Canadese: è prevalentemente pianeggiante nella fascia costiera e montuosa nella zona centrale, ricoperta perennemente da ghiacciai e nevai. Le coste sono molto frastagliate, con profondi fiordi e grandi penisole. Nell'isola, attraversata da numerosi ma brevi corsi d'acqua, si trovano alcuni laghi: principali quelli di Nettilling, Amadjuak e Gillian. Il clima è di tipo polare, con temperature medie invernali di –20 ºC ed estive di 5-10 ºC; le precipitazioni si aggirano sui 200-400 mm annui. Coperta dalla tundra nelle zone meno elevate, l'isola è abitata da Eschimesi dediti alla pesca e alla caccia.

  • Isola di Bylot

    L'isola di Bylot è un'isola dell'arcipelago artico canadese, situata all'estremità settentrionale dell'isola di Baffin, nel Territorio di Nunavut, in Canada. La cima più elevata è il Monte Angilaaq che s'innalza a 1.951 metri sul livello del mare. Non ci sono insediamenti permanenti sull'isola, ma vi si possono trovare Inuit di passaggio. Quasi tutta l'isola è compresa nel Parco Nazionale di Sirmilik, che ospita anche gabbiani tridattili e l'oca delle nevi.

  • Parco Nazionale di Wapusk

    La patria degli orsi bianchi, un assaggio di Artico raggiungibile in treno o in aereo da Winnipeg. Wapusk National Park è il 37° parco nazionale del Canada creato nel 1996, Wapusk significa "orso bianco" in lingua cree.  Il parco infatti protegge una delle più grandi zone di riproduzione dell'orso polare. Copre una superficie di oltre 11.000 chilometri quadrati a sud ed a est della città di Churchill e confina con la baia di Hudson. È una delle zone più selvagge del Canada trovandosi sulla transizione tra foresta boreale e la tundra artica. La geologia, la biodiversità, e la storia culturale della zona contribuiscono a rendere unico il carattere selvaggio di questo Parco Nazionale del Canada.

  • Arctic Bay

    Arctic Bay è un insediamento Inuit situato nella parte settentrionale della Penisola Borden, sull'Isola di Baffin, in Canada. Secondo i dati del censimento del 2006 gli abitanti erano 690. La regione di Arctic Bay fu occupata per la prima volta circa 5000 anni fa, da tribù nomadi di Inuit che si stavano trasferendo dalle regioni occidentali. Nel 1872, una baleniera eurpoea, la Arctic, capitanata da Willie Adams, passò per questa regione, dando all'insediamento il nome attuale. Il termine Inuit per Arctic Bay è "Ikpiarjuk", che in italiano significa "cavità". Questo nome descrive le alte colline che sovrastano la baia ormai asciutta. Verso sudest invece si erge la montagna King George V, che domina il paesaggio dell'insediamento.

  • Groenlandia

    La parola italiana Groenlandia deriva direttamente da quella scandinava originaria, Grønland. Il norvegese Erik il Rosso fu esiliato dall'Islanda per aver commesso un omicidio. Costretto a salpare con la sua famiglia e i suoi schiavi, si diresse verso una terra di nord-ovest di cui aveva sentito parlare e la chiamò Grønland ("Terra verde"). Benché oggi "Terra verde" possa sembrare un nome inappropriato per un'enorme isola ricoperta da ghiacci per l'83% del suo territorio, ai tempi di Erik il Rosso (vissuto intorno all'anno 1000) la Groenlandia era più verde e meno ghiacciata.
    In Groenlandia la natura vi attende con una vasta scelta di esperienze ed impressioni. Ma le distanze sono notevoli e gli scenari naturali sono diversi a seconda del periodo dell'anno. Marzo e aprile offrono paesaggi innevati da lasciare senza fiato, possibilità di sciare o di fare escursioni con slitte, cieli azzurri, temperature sottozero e sole splendente. In giugno, luglio e agosto troverete la un’atmosfera magica, con il sole di mezzanotte e le notti illuminate, escursioni in montagna tra scenari naturali da sogno, pesca e navigazione lungo la costa tra le balene e gli iceberg. Da settembre a novembre il tempo è stabile e le notti sono buie, quindi l'aurora boreale è visibile in tutto il suo splendore. Grazie alla sua estensione il paesaggio varia notevolmente: dalle soffici distese ricoperte di erica a sud, agli aspri profili rocciosi a nord.

  • Isole Svalbard

    Le Isole Svalbard sono un arcipelago del mare Glaciale Artico e rappresentano la parte più settentrionale della Norvegia. Le isole si estendono su un'area di 62 050 km², gran parte della quale è coperta da ghiacci, come testimonia il significato del nome Svalbard: "costa fredda". Le isole più grandi sono Spitsbergen, Nordaustlandet e Edgeøya . Non ci sono strade tra gli insediamenti sulle isole; i trasporti sono perciò effettuati con imbarcazioni, aerei ed elicotteri, nonché in motoslitta. Le Svalbard potrebbero essere state scoperte già nel XII secolo, ma la prima scoperta incontestabile delle Svalbard fu fatta dall'olandese Willem Barents nel 1596. Le isole servirono da base internazionale per la caccia alle balene nel XVII e XVIII secolo. Erano inoltre anche la base di partenza per molte esplorazioni artiche.

  • Alaska

    L'Alaska è una terra dai forti contrasti. Soprannominata "Grande Terra" per la sua vastità, è il più grande degli stati americani; eppure conta soltanto 500.000 abitanti. Lo stato è composto essenzialmente da migliaia di chilometri quadrati di distese desolate, pur offrendo moderne città e piccole cittadine di interesse storico. Juneau, capitale dell’Alaska, venne fondata durante la corsa all’oro di fine Ottocento e porta il nome di un popolare cercatore di quei tempi. È una città tranquilla, con buoni alberghi e ristoranti, ed è una buona base di partenza per escursioni nella natura selvaggia. La maggior attrazione dell’Alaska è la natura selvaggia. Poco distante da Juneau, la capitale, si trova il Glacier Bay National Park, dove si arriva solo con traghetti o piccoli aerei. Qui si possono osservare grizzly, foche, balene, marmotte, aquile nel loro ambiente naturale e ammirare diversi ghiacciai a picco in mare.Un’altra area di grande fascino è quella del Denali National Park dove sorge il Monte McKinley, che supera i 6.000 metri ed è la montagna più alta del Nordamerica, regno di alci e caribou.